Forfora, come combatterla in modo alternativo

0
211
Forfora rimedi
Forfora rimedi

Forfora, come combatterla in modo alternativo

Effettuare un trattamento a base d’olio di radice di bardana

Mescolare due cucchiai da tavola di olio vegetale con 6 gocce d’olio di radice di bardana, scaldare il miscuglio e applicarlo sui cappelli e sul cuoio capelluto  massaggiando delicatamente. Indossare una cuffia da doccia. Bagnare un asciugamano con acqua calda, strizzarlo e avvolgerlo intorno alla testa. Se si raffredda bagnarlo ancora nell’acqua calda e avvolgerlo nuovamente, tenere l’asciugamano e la cuffia per 20’. Lavarsi i capelli con uno shampoo delicato.Risciacquare abbondantemente  2 o 3 volte. Pettinarsi come di consueto. L’olio di radice di bardana può essere sostituito con olio di rosmarino, di camomilla o liquirizia.

Sciacquare i capelli con una soluzione di alloro

Per preparare uno shampoo antiforfora occorre  far essiccare e poi triturare le spesse foglie aromatiche  di questa pianta.  Mescolare tre cucchiaini da caffè  di foglie triturate con 1/4  di litro di acqua bollente; coprire  e lasciare in infusione per circa mezz’ora. Sgocciolare  e versare  la lozione cosi ottenuta  in un recipiente de plastica.  Dopo aver lavato i capelli versare lentamente una tazza di questo miscuglio, distribuire bene e lasciar agire un ora. Utilizzando regolarmente questa lozione a base di alloro in genere permette di eliminare la forfora. Conservare la lozione in frigorifero avendo cura di mettere un etichetta.

Provare un shampoo curativo

Se l’ospite indesiderato della forfora si ripresenta  con troppa frequenza  potrebbe trattarsi di eczema  o psoriasi. In tal caso occorre utilizzare uno shampoo curativo. Questi shampoo contengono  spesso acido salicilico o catrame di litantrace.  Uno shampoo antiforfora agisce facendo cadere  la forfora e pulendo il cuoio capelluto  e i capelli. Sciacquare sempre con cura 2, 3 volte. Terminare con l’applicazione di un balsamo. Gli shampoo curativi vanno usati  con precauzione se contengono  catrame di litantrace perché possono decolorare i capelli. Evitare anche il contatto prolungato con la pelle. Possono inoltre aumentare la sensibilità della pelle  e dei capelli  alla luce del sole. Se l’uso regolare di uno shampoo  antiforfora  non risolve il problema  è bene rivolgersi a un dermatologo.

Alternare con uno shampoo normale

É bene tenere i due tipi di shampoo, antiforfora e normale, nella doccia, distinguere il prodotto che si è utilizzato per evitare di sbagliare. Provare diversi prodotti per sapere qual’è il più adatto. I trattamenti antiforfora  si presentano infatti sotto diverse forme: shampoo, creme, maschere, leggere sempre attentamente le istruzioni per l’uso. Evitare che la schiuma vada a contatto con gli occhi.

Effettuare lavaggi frequenti

La lotta contro la forfora  è un combattimento continuo, il lavaggio quotidiano dei capelli deve essere previsto nel piano di battaglia. La forfora  sopraggiunge generalmente quando i capelli sono grassi e non secchi. Più sono grassi maggiore è il rischio di forfora. Lavaggi frequenti consentono di eliminare l’eccesso di sebo.

Resistere alla voglia di grattarsi

A volte, per placcare il prurito  è necessario l’assunzione di un farmaco prescritto dal medico. É bene  tagliarsi le unghie  per non graffiare il cuoio capelluto, e eliminando cosi anche il trattamento effettuato.

SHARE

LEAVE A REPLY