Bruciore di stomaco: qual’è la causa?

0
253
Bruciori di stomaco

Bruciore di stomaco

Qual’è la causa?

Individuare la causa dei disturbi gastrici non è facile. Indigestione  è un termine corrente utilizzato per descrivere la sensazione di pesantezza  e gonfiore che segue  da vicino un pasto  troppo abbondante, soprattutto durante il periodo delle feste.
I bruciori di stomaco sopraggiungono quando il nutrimento e i succhi gastrici rifluiscono accidentalmente nell’esofago, il tubo che collega la gola allo stomaco creando  il riflusso gastroesofageo, che a volte è accompagnato da rutti  involontari. Se lo stomaco è abituato ai succhi gastrici, l’esofago non lo è, ecco perché si prova un certo fastidio  e dolore quando i succhi gastrici  entrano in contatto con una certa parte dell’organismo: il riflusso gastroesofageo  è provocato dall’apertura dello sfintere  inferiore dell’esofago lasciando che il contenuto acido dello stomaco risalga.

Provare la tecnica dello “stomaco da birra”

In caso di bruciori di stomaco persistenti, potrebbe trattarsi di  ernia iatale provocata da un innalzamento  dello stomaco nel torace che provoca  una sensazione di bruciore. In posizione eretta, con i piedi  leggermente divaricati, permettere che lo stomaco si rilassi lasciandolo passare  sopra la cintola. Rimanere in questa posizione per 2/3’ .

Assumere i farmaci con molta acqua

Non coricarsi subito dopo averli ingeriti. Per prendere le medicine stare in piedi o seduti, in modo che raggiungano  più facilmente lo stomaco per effetto del loro peso; queste precauzioni sono particolarmente importanti se si assumono teofillina, inibitori del calcio, progesterone, cloruro di sodio o antinfiammatori non steroidei.

Resistere allo spuntino all’ora di andare a letto

Attendere un pò dopo un pasto prima di coricarsi: quando il corpo è in posizione orizzontale  c’è maggior rischio  che il nutrimento risalga  e provochi dolori.

Pantaloni stretti, stomaco stressato

Se soffrite di dolori gastrici controllate i pantaloni, può darsi che siano semplicemente troppo stretti.  I dolori a volte sono provocati  da pantaloni di taglia troppo piccola anche se si tratta solo di alcuni centimetri. Indossare sempre indumenti ampi e comodi  se avete appena partorito o assunto peso per vari motivi finche la situazione non torna alla normalità.

Diminuire il consumo d’alcol, caffè e bevande gassate

Il caffè, come tutte le bevande contenenti caffeina , può provocare un’irritazione della parete dello stomaco. Ma quali sono le bevande che ci fanno più male? In testa alla classifica c’è il succo di pompelmo  insieme al succo di arancio e il pomodoro. La forte acidità di queste bevande  sembra essere la causa di questi disturbi. Alcol, caffè, tè, bevande  al cioccolato e limonate causano acidità di stomaco.

Attenzione all’abuso di farmaci antiacido

Gli antiacido disponibili in farmacia  sono generalmente sicuri ed efficaci. Informare il medico della dose che si assume per evitare che questi farmaci  nascondano un disturbo gastrico grave che richiede una cura. Quando si assumono questo tipo di medicine è indicato anche di consumare latte. I farmaci antiacido che contengono calcio sono ancora meglio,  ma è bene fare attenzione e non abusare, l’assunzione per più giorni di seguito può provocare  “recrudescenza acida”, ovvero che lo stomaco aumenta la produzione di acidi  rispetto ai valori normali   generando cosi bruciori.

Rimedi naturali contro i crampi allo stomaco

SHARE

LEAVE A REPLY